Skip to content


HowTo: Configurazione dei Virtual Hosts (alias) con Apache 2 su Debian ETCH

Apache

Premessa

Questo tutorial non intende in nessun modo sostituire la reference ufficiale di Apache, per cui descrizioni dettagliate delle singole parti dei files di configurazione possono essere trovate nel sito ufficiale di Apache.

Introduzione

Nella guida precedente abbiamo parlato dell'installazione e la configurazione di un server LAMP con Debian, Apache2, MySQL e PHP, passiamo adesso alla configurazione dei singoli virtual hosts (ovvero degli hosts virtuali).

Il VirtualHosting consente la gestione di più domini basandosi sul loro nome ma non sul loro IP ed è una pratica ampiamente utilizzata in quanto è facile immaginare il gap di guadagno semplicemente immaginando il costo di una farm costituita da una serie di server che ospitano ciascuno un dominio diverso ed un solo server che ospita diversi domini diversi. L'unico appunto che può essere fatto a questa metodologia di gestione è che effettivamente se si ha un dominio molto attivo esso potrebbe monopolizzare le risorse di sistema lasciando solo la rimanenza delle risorse agli altri domini hostati difatti questo tipo di configurazione abitualmente è utilizzata per ospitare domini che non generano traffico eccessivo.

Se avete seguito la guida sull'installazione e la configurazione di un server LAMP con Debian non è necessario altro infatti l'intento di questo tutorial è dare le basi per la configurazione dei virtual hosts.

Azioni preliminari per configurare Apache

Per prima cosa prendiamo nota della DocumentRoot impostata nel file di configurazione di Apache2 digitando:

cat /etc/apache2/apache2.conf | grep DocumentRoot

di default la DocumentRoot è /var/www e utilizzerò questo riferimento nel resto del tutorial, tuttavia può essere facilmente modificata editando /etc/apache2/apache2.conf cercando la riga contenente DocumentRoot (per esempio con vim vi basterà digitare /DocumentRoot ) e modificando il percorso (ricordatevi che dovete creare la directory interessata prima di procedere al riavvio di apache tramite il comando /etc/init.d/apache2 reload ).
Cerchiamo di configurare l'ambiente per un dominio generico che con un po' di fantasia chiameremo miodominio.com . Adesso che conosciamo la nostra DocumentRoot possiamo creare una directory al suo interno:

mkdir /var/www/miodominio.com

che non renderemo pubblica ed una directory public che invece renderemo pubblica per cui:

mkdir /var/www/miodominio.com/public

creiamo anche una directory che useremo per l'utilizzo degli script CGI e vedremo in seguito come utilizzarla:

mkdir /var/www/miodominio.com/cgi-bin

I file di configurazione di Apache

Procediamo con la creazione del file di configurazione per il dominio che vogliamo configurare, quindi creiamo e cominciamo a compilare il file suddetto col comando

vim /etc/apache2/sites-available/miodominio.com

inserendovi il seguente testo che analizzeremo riga per riga:

<VirtualHost *:80 >
ServerAdmin webmaster@miodominio.com
ServerName www.miodominio.com
DocumentRoot /var/www/miodominio.com/public
Alias /phpmyadmin "/usr/share/phpmyadmin"
<Directory "/var/www/miodominio.com/public">
Order Deny,Allow
Allow from all
Options -Indexes
</Directory>
<Directory "/var/www/miodominio.com/cgi-bin">
AllowOverride None
Options ExecCGI -MultiViews +SymLinksIfOwnerMatch -Indexes
Order allow,deny
Allow from all
</Directory>
ErrorLog /var/log/apache2/error_miodominio.net.log
LogLevel warn
CustomLog /var/log/apache2/access_miodominio.net.log combined
ServerSignature On
</VirtualHost>

procediamo all'analisi della configurazione di apache riga per riga:

<VirtualHost *:80 >
è il tag che indica che devono essere processate le richieste indirizzate alla porta 80 (che comunque è quella di default) di tutti gli IP configurati nella macchina

ServerAdmin webmaster@miodominio.com
serve per indirizzare correttamente le richieste di supporto in caso di errori (pagine mancanti, richieste con accesso negato, ecc)

ServerName www.miodominio.com
viene utilizzato per configurare il nome di dominio da gestire e che lo distinguerà dagli altri

DocumentRoot /var/www/miodominio.com/public
ci dice in quale directory saranno indirizzate le richieste di connessione per il nome di dominio specificato nella riga precedente ed è anche la directory che quindi dovrebbe contenere l'index

Alias /phpmyadmin "/usr/share/phpmyadmin"
in questo modo impostiamo un alias di dominio ovvero digitando sul browser www.miodominio.com/phpmyadmin verremo indirizzati a quella directory che contiene il software phpmyadmin e quindi potremo amministrare il database

<Directory "/var/www/miodominio.com/public">
con questo tag cominciamo la configurazione dei permessi della directory public

Order Deny,Allow
definisce l'ordine di processamento dei permessi; nella fattispecie prima le negazioni di servizio (nel caso ci dovessero essere) e poi gli accessi

Allow from all
siccome nel nostro esempio non ci preoccupiamo di negare l'accesso in quanto vogliamo che il sito sia perfettamente accessibile dall'esterno consentiamo l'accesso a tutti

Options -Indexes
serve per restituire un messaggio di errore se nella directory nella quale si tenta l'accesso non è presente un file index , ciò serve per evitare di rendere pubblico materiale al quale non sono presenti collegamenti diretti

</Directory>
chiude il tag aperto poco prima

<Directory "/var/www/miodominio.com/cgi-bin">
con questo tag cominciamo a configurare la directory che conterrà gli script cgi

AllowOverride None
con questa opzione diciamo esplicitamente ad apache di non leggere il file .htaccess anche se presente perchè di fatto in questa directory non serve

Options ExecCGI -MultiViews +SymLinksIfOwnerMatch -Indexes
la descrizione di questa direttiva è un po' più lunga delle altre perchè ci sono un paio di opzioni di cui parlare (rimando al sito ufficiale per la documentazione dettagliata ed in inglese). Con ExecCGI consentiamo l'esecuzione di scripts CGI se è abilitato il modulo mod_cgi; con -MultiViews facciamo in modo che quando viene richiamata tramite browser la directory /var/www/miodominio.net/cgi-bin/qualcosa e questa directory non esistesse apache NON (vedi il - antecedente l'opzione) cerca un qualunque file in /var/www/miodominio.net/cgi-bin/ del tipo qualcosa.* ; con +SymLinksIfOwnerMatch facciamo in modo che Apache segua i links simbolici di sistema contenuti in questa directory solo se il proprietario del file o della directory di destinazione è lo stesso utente proprietario del link ; la -Indexes l'abbiamo vista prima

Order allow,deny
Allow from all
</Directory>

queste tre righe le abbiamo analizzate prima

ErrorLog /var/log/apache2/error_miodominio.net.log
questa riga serve per specificare il file in cui scrivere gli errori di apache che vengono riscontrati dagli utenti in fase di navigazione; è bene impostare un nome di questo file diverso per ogni dominio per facilitarne la lettura

LogLevel warn
con questa opzione dichiariamo il livello "verbosità" dei log e possiamo scegliere tra debug, info, notice, warn, error, crit, alert, emerg

CustomLog /var/log/apache2/access_miodominio.net.log combined
questa direttiva serve per tenere traccia delle richiesta al server apache

ServerSignature On
indica al server di includere la "firma" nel footer dei messaggi di errore, che include il nome del server ed il tipo di sistema operativo che si sta utilizzando

</VirtualHost>
questa indica la chiusura del tag VirtualHost

Completamento della configurazione di Apache

Per abilitare finalmente il nostro dominio sul server bastano due soli comandi

a2ensite miodominio.com
/etc/init.d/apache2 reload

col primo abilitiamo il nostro dominio creando un symlink a /etc/apache2/sites-available/miodominio.com in /etc/apache2/sites-enabled/miodominio.com e per disabilitarlo possiamo utilizzare i comandi

a2dissite miodominio.com
/etc/init.d/apache2 reload

ricordiamo sempre di ricaricare la cache di configurazione di apache ogni volta che viene modificato un file di configurazione.

Fatto ciò se i DNS sono aggiornati il nuovo sito sarà raggiungibile all'indirizzo www.miodominio.com.

Be Sociable, Share!

Posted in Web Server.

Tagged with , , , , , , , , , .


9 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. home interior design says

    Good day! This post couldn’t be written any better! Reading through this post reminds me of my previous room mate!
    He always kept chatting about this. I will forward this article to him.
    Fairly certain he will have a good read. Thanks for sharing!

  2. cheap shoes clearance says

    This site really has all the info I needed concerning this subject and didn’t know who to ask.

  3. ขายส่งเสื้อผ้า says

    Wonderful site. A lot of helpful information here. I am sending it to a few
    pals ans also sharing in delicious. And obviously, thank you
    in your effort!

  4. facebook marketing says

    I am in fact thankful to the holder of this website who has shared this great paragraph
    at at this place.

  5. curso serralheiro de aluminio says

    pupilo pode se inscrever em numerosos cursos simultaneamente.

  6. zedge01 says

    Having read this I thought it was rather enlightening.

    I appreciate you finding the time and energy to put this information together.

    I once again find myself spending a significant amount of time both reading and leaving comments.
    But so what, it was still worthwhile!

  7. loft conversions Putney says

    Hey there I am so thrilled I found your webpage, I really found you by error, while I was browsing on Bing for something else, Nonetheless I am here now and would just like
    to say many thanks for a marvelous post and a all round enjoyable blog (I also love the
    theme/design), I don’t have time to read it all
    at the moment but I have saved it and also included your RSS feeds, so when I
    have time I will be back to read a lot more, Please do keep
    up the awesome job.

  8. web designer guide says

    Excellent blog post. I definitely love this site. Keep it up!

  9. Makler Heidelberg says

    Der Artikel ist wirklich toll. Das Thema hat mich schon interessiert und
    ich konnte hier noch einiges weiterführendes finden.
    Ich freue mich, weitere Neuigkeiten zu lesen. Danke und Grüße aus Heidelberg Marco Feindler

1 2 3 4



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.