Skip to content


HowTo: Virtualizzazione di Damn Small Linux su VirtualBox

Damn Small Linux, abbreviato in DSL, è una particolarissima distribuzione di Linux progettata per funzionare anche su computer vecchissimi con soli 16MB di Ram e processori 486DX. Per raggiungere questo traguardo i suoi progettisti hanno messo insieme i programmi più leggeri e allo stesso tempo completi e utili che si possono trovare in giro per la rete.Il sistema risulta molto completo nonostante gli appena 50MB di spazio occupato su CD! Quotando la pagina in italiano del sito ufficiale:

"[...] DSL all'inizio nacque come un esperimento per vedere quanti programmi grafici e facilmente usabili potessero stare in un CD di appena 50MB. Era a malapena un giocattolino personale. Ma Damn Small Linux col tempo si è sviluppato in un progetto della Comunità con centinaia di ore di programmazione investite in continui perfezionamenti, come ad esempio un sistema remoto e locale completamente automatizzato di installazione di programmi ed un sistema estremamente versatile di salvataggio e ripristino dei dati personali che può essere usato con tutti i media riscrivibili compreso un disco fisso, floppy o memorie flash USB. [...]"

Proseguiamo subito alla sua installazione su VirtualBox: Se non avete ancora installato VirtualBox, provvedete subito ad installarlo. Per gli utenti Linux c'è qualche piccola operazione in più da effettuare, rispetto alla semplice installazione del pacchetto, che riguarda l'impostazione dei permessi. Trovate ulteriori informazioni sul manuale di VirtualBox oppure all'interno di questo articolo dedicato alla virtualizzazione di Debian.Procuratevi l'ultima immagine ISO di Damn Small Linux direttamente dal sito ufficiale http://damnsmalllinux.org/download.html. Il file ha un nome del tipo dsl-4.2.2.iso e pesa esattamente 50MB. Ovviamente il numero della versione potrebbe essere superiore a questo tra qualche settimana, ma in teoria non dovrebbero esserci eccessive differenze nella procedura di installazione e tutto dovrebbe filare liscio come l'olio anche con versioni più aggiornate. Una volta scaricata l'immagine ISO aprite VirtualBox e create una nuova macchina virtuale con queste impostazioni:

Nome: DSL
Sistema Operativo: Linux 2.4
Dimensione memoria di base: 64-128MB (scegliete più di 128 MB se volete, ma per DSL sono quasi "eccessivi"!!!)
Hard Disk: ad espansione dinamica di dimensione 1GB

Cliccate adesso sulla macchina virtuale appena creata ed aprite il pannello delle impostazioni. Selezionate la scheda relativa al lettore CD/DVD-ROM e montate l'immagine ISO scaricata precedentemente. Nella scheda USB attivate il supporto USB se avete intenzione di utilizzare tali periferiche all'interno della macchina virtuale.
ATTENZIONE: Questa opzione NON è necessaria per mouse e tastiere USB, le quali vengono trattate da VirtualBox come delle comuni periferiche PS2.
Chiudete il pannello delle impostazioni ed avviate la macchina virtuale. Basta un semplice Invio alla schermata di boot per proseguire con il caricamento del sistema. Dopo pochi secondi avremo il desktop di DSL perfettamente funzionante.Per installarlo sul disco virtuale abbiamo in teoria 2 possibilità: la Frugal Install e la Debian Install. Il secondo metodo è quello "classico" con cui vengono installate il 90% delle distribuzioni Linux e peraltro è presente in versione "beta" per cui la sconsiglio.La prima, invece, è una novità di DSL rispetto ad altre distribuzioni analoghe. Praticamente consiste in una copia esatta del CD-Rom, in modo da mantenere intatta la possibilità di installare applicazioni tramite il tool dedicato MyDSL e facilitare gli upgrade a versioni successive. Un'altro vantaggio dell'installazione Frugal è dato dalla possibilità di caricare il sistema operativo toram: significa che tutto il CD (o tutto l'HD) viene caricato in RAM a patto di averne almeno 128MB, consentendo una velocità di esecuzione praticamente fulminea anche su computer di 15 anni fa.

Innanzitutto avviamo un terminale, ci servirà per partizionare il disco virtuale su cui effettueremo l'installazione. Clicchiamo con il tasto destro sul desktop e scegliamo XShells->Light (Trasparent, Light, Dark sono la stessa cosa, cambia solo il colore del terminale... questione di gusti!). Eseguiamo questo comando:

sudo cfdisk

Il programma cfdisk serve per partizionare il disco, "sudo" ci garantisce i diritti di amministratore. Rispondiamo "y" alla richiesta di cancellare tutto, poi lasciamoci guidare dall'intuitiva interfaccia per creare una nuova partizione primaria (new, primary) che riempia tutto il disco (basta lasciare la dimensione predefinita), e rendiamola avviabile (bootable), dopodichè salviamo le modifiche (write) e usciamo dal programma (quit). Chiudiamo la finestra di terminale e iniziamo l'installazione vera e propria. Per procedere all'installazione bisogna cliccare con il tasto destro sul desktop, selezionare Apps->Tools->Frugal Install->Frugal GRUB Install. Indichiamo hda1 come "target partition" e digitiamo L per iniziare l'installazione da [L]ive CD, indichiamo ancora hda1 come partizione per le estensioni (programmi aggiuntivi) MyDSL e come riga di parametri scriviamo la seguente:

vga=normal toram tz=Europe/Rome

NOTA 1: se abbiamo scelto meno di 128MB di ram togliamo l'opzione "toram"
NOTA 2: per il momento siamo costretti ad usare la tastiera americana, quindi il carattere "uguale" si trova al posto della nostra "ì", la i accentata, e il carattere "/" si trova al posto del nostro trattino "-".) Scegliamo "it" come lingua per la tastiera (così dopo l'installazione avremo il nostro normale layout italiano.

Confermiamo un paio di volte premendo "y" e l'installazione avrà termine dopo circa 1-2 secondi... sembra incredibile, non è vero? Chiudiamo eventuali finestre rimaste aperte ed eseguiamo lo shutdown, cliccando sul desktop con il tasto destro e selezionando Exit e dopo Shut down. Dal pannello delle impostazioni della macchina virtuale smontiamo l'immagine ISO del CD-ROM di DSL e facciamo ripartire la macchina virtuale. Al riavvio ci verranno chieste delle informazioni per la configurazione dell'interfaccia grafica. Scegliamo Xvesa, USB mouse no (anche se abbiamo un mouse USB... perchè VirtualBox lo emula come se fosse PS2), IMPS/2 mouse yes, scegliamo la risoluzione (consiglio 800x600 oppure 1024x768), 16/24 bit per il colore, et voilà! il nostro sistema è pronto!

Be Sociable, Share!

Posted in Desktop Virtualization, Java.

Tagged with , , , , , , , .


14 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. no1globe says

    Ed ecco il mio primo commento su questo nuovo Blog :D

    Bè caspio non sapevo dell’esistenza di questa DSL :)
    Ottima sta cosa!!! Cmq nn trovo il link giusto dopo il link dal sito ufficile… sono un po’ tardo o.O :D

  2. Salvatore Barbera says

    @no1globe: grazie per averci visitato! il link diretto alla ISO è il seguente… (togli gli spazi ovviamente)
    http : // ftp . heanet . ie/mirrors/damnsmalllinux.org/current/dsl-4.2.3 . iso

    Enjoy the virtualization world! ;)

  3. Paso says

    ottima guida, come sempre ;)
    avevo già usato in precedenza virtual box ma solo per provare live-cd senza installare… l’idea di avere una piccola distro, come DSL, per pasticciare un po’ mi garba parecchio :)

  4. annarita says

    @Antonio, Salvatore: ciao ragazzi! Grazie dell’invito e complimenti per il nuovo progetto:). Allora l’altro blog non è più attivo? Cambio allora il link in sidebar, tra i blog amici…

    Bel post. Lo segnalo nel widget dei condivisi di annarita, in sidebar.

    Un in “bocca a lupo” e bacioni;)

  5. Salvatore Barbera says

    @Paso, Annarita: grazie per essere passati… tra un pò uscirà un mio tutorial su come tirar su dei VPS (Virtual Private Server) ;)

  6. Antonio Barba says

    @no1globe: eheheh! :D DSL è proprio una bella invenzione!
    @Paso: per pasticciare un po’ è fantastica! e poi, essendo così leggera, puoi virtualizzarla anche senza avere un computer astronomico! Per virtualizzare Ubuntu, ad esempio, ci vogliono 512mb di ram per windows e altri 512mb per ubuntu virtualizzato, per un totale di 1gb se non vuoi avere frustrazioni da “lentezza cronica”…
    @annarita: si, il vecchio sito ormai è dismesso… mi fa sempre piacere averti qui tra noi! Crepi il lupo con tutto il suo branco e a presto!

  7. no1globe says

    @ Salvatore Barbera: grazie mille adesso ci siamo :D

    @ Antonio Barba: !LOL!

  8. Silvia says

    Questa guida è fantastica! :D Ho capito tutto al volo!! non credevo fosse così facile e invece in un batter d’occhio ho creato la mia prima macchina virtuale e ho installato DSL su VirtualBox.Grazie!^_^

  9. Antonio Barba says

    Di nulla! ^_^

  10. Nicola says

    …ma le virtualbox guest additions? come si installano? qualcuno c’è riuscito?

  11. Antonio says

    Clicca sul menu della console virtuale, c’è la voce “Install Guest Additions”, sul sistema operativo virtuale verrà inserito un CD virtuale contenente il programma di installazione. Una volta eseguito verranno installati dei driver sul sistema virtuale che permetteranno di sfruttare appieno il supporto USB, l’accelerazione (solo 2D) grafica, l’integrazione degli appunti (copia-incolla tra macchina virtuale e macchina reale) e del mouse.

  12. eolobat says

    anche io sono appassionato di DSL……….la adoro l’ho installato normalmente su HD(non frugale) e la uso su un 166mhz 128mb ram………dsl lo rende un piccolo mostro!!!! inoltre confermo la possibilita’ di espansione con il gestore dei pacchetti aggiunti MYDSL.Tanto da diventare con apt una debian…Nuova vita a vecchi pc!!!!!Consiglio xro’ di non usare dsl su pc con meno di 64mb..Per macchine datate come 486 con 16–32 MBram consiglio il mitico dheli-linux distro veramente leggera ma che richiede installazione…. e sufficienti capacita’ su linux un saluto a tutti!!!!!!!!!

  13. Antonio Barba says

    @eolobat: un saluto a te e grazie per il tuo consiglio! Mi associo al consiglio di Deli Linux ;)

  14. Calogero says

    Se vi interessa, esistono immagini della DSL per virtualbox “preconfezionate”!
    Basta scaricarle ed aggiungerle semplicemente alla macchina virtuale.
    Le potete scaricare da http://virtualbox.wordpress.com



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.